La mia strada per la ricchezza

Cos'è per te la ricchezza?

Cos’è la cosa più preziosa che ritieni d’avere?

OK, Prenditi un tempo adeguato per rispondere a queste domande ed interiorizzare le risposte…………….

Prenditi Tempo

Se alla domanda “Cos’è per te la ricchezza?” hai pensato “avere tanto denaro” posso intuire che non ti senti ricco, perché, le persone ricche non ragionano in questo modo!

Se alla domanda “Cos’è la cosa più preziosa che hai?” hai risposto ” la mia famiglia” o peggio “la mia auto” ti posso dire che sei fuori strada. Esiste una risorsa limitata, una volta persa irrecuperabile, che tutti noi abbiamo ma spesso diamo per scontata. Se non avessimo il TEMPO di godere della nostra famiglia, della nostra villa e di tutte le belle cose che la vita, potremmo essere milionari ma vivere una vita comunque vuota, in un certo senso, povera.

Anche io per la stragrande maggioranza della mia vita ho avuto il focus sbagliato.
Mi concentravo sui modi per fare più denaro facendo straordinari o doppio lavoro. In questo modo, però, non facevo altro che svendere il mio prezioso tempo in cambio di quelle che oggi definirei briciole.

Cambio punto di vista

Il cambiamento non è avvenuto in un preciso momento ma, più che altro, è stata una lunga presa di coscienza che mi ha portato a spostare l’attenzione da “come avere più soldi” a “come avere più tempo”.

Potrebbe sembrare una piccola e stupida cosa ma vi posso assicurare che questo porta a cambiare drasticamente le proprie scelte e di conseguenza la propria qualità di vita.

Classicamente come lavoratore dipendente scambio il mio tempo per denaro ottenendone proporzionalmente alle mie capacità. Se voglio ottenere più “ricchezza” devo vendere più tempo, peccato che il mio tempo è limitato e se lo vendo tutto, come dicevamo prima, non posso godere della mia famiglia, dei miei beni e di tutto quello che è bello della vita; D’altro canto capite bene che se smetto di vendere il mio tempo, smette di arrivare il denaro che mi serve per vivere. Se foste in questa condizione vi sentireste liberi?
Liberi di disporre del vostro tempo come desiderate?
Non credo! Questa, come l’hanno definito altri prima di me, è la schiavitù del ventunesimo secolo.

E come si fa ad uscire da questa trappola?

Facciamo un esempio agricolo molto semplice; Per innaffiare il mio orto posso procedere con due mentalità:
1. Da lavoratore: spendo il mio tempo riempiendo l’annaffiatoio e portandolo quotidianamente alla terra.
2. Da imprenditore: investo il mio tempo costruendo un impianto di irrigazione. Inizialmente mi costerà risorse e fatica, ma, successivamente farà il lavoro al posto mio.

Possiamo facilmente capire che se, invece di vendere, INVESTO il mio tempo nello sviluppare progetti o altro che mi porteranno profitti e benefici prolungati nel tempo la situazione cambierà drasticamente.
Nel lungo periodo reiterando questo approccio imprenditoriale alla vita non otterrò più un andamento lineare ma bensì un andamento esponenziale delle mie risorse.

Più ho risorse a disposizione più posso decidere liberamente come disporre del mio tempo e questa sarà la vera ricchezza.

Sentitevi liberi di pensare.

Fammi sapere che ti è piaciuto

Condividi l’articolo sui tuoi social preferiti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

About Me

Ciao io sono Giulio e questo è un articolo del mio blog. Qui parlo di: Crescita personale, Criptovalute, Trading Algoritmico, Finanza  Risparmio e tanto altro.

Ultimo post

Contattami